S O P R A    L A    L I N E A   D E L L'  O R I Z Z O N T E  



Attivo con estrema cura le mie opere, perché non vivo d' impulso,
devo meditare, devo trovarle nella loro   posizione naturale, senza forzarle. 
So che il mio fare procede con la quiete appena smarrita, 
ogni tappa è una conquista, 
un nuovo porto dove far riposare l' immagine   per poi ripartire con un nuovo carico di idee. 
Per me il prodotto artistico non giunge mai   ad un termine di consumo, 
una sorta di malinconia necessaria sembra   rendermi imprendibile. 
                                                                                                    Presentissimo e lontanissimo, sopra le onde della burrasca e                                                                                                       sopra la linea dell' orizzonte.
L' arte che vi rendo è identica al mio carattere, 
che non si lascia modellare facilmente, 
so che la strada che pittoricamente  deve curvare, salire, 
                                                                                                                  discendere o andare diritta,   non cambio rotta,                                                                                                                                                                                                                        
il mio tenere la via è derivato da una ottima bussola 
che mi indica                                                                                                       i punti  cardinali del colore, 
della materia, delle forme e delle mie idee. 
                                                                               Se per qualche campo magnetico la mia bussola impazzisce, ho il coraggio di fermarmi,                                                                                                                                               di non produrre più niente o di lasciare sedimentare i miei lavori,  finché un nuovo tempo non mi indichi                                                                    la volontà di ritrovarle, di ripropormele per attivarle  definitivamente alla vista.

Anche la mia vita è un' opera da portare avanti.

 

   
                                                                                                               MIART  Parco  Esposi
zioni  di Novereto  (MI)  1994




   D   I    C   O    N    O          D  I         M  E  

                                                                                                                      


L'imitatore di se stesso di Tiberio Cianciotta 

      Uno dei test più "istintivi" è legato alla policromia prim'ancora che ai segni grafici: sollecitare la psiche attraverso il colore.                           Provate a "giocare" coi colori di Maurizio Sacchini; provate a svegliare l'io nascosto con la tavolozza sacchiniana, provateci.                                                               Scoprirete delle sensazioni bellissime, anche se intraducibili sul piano emozionale.                                                                                          Non è un gioco solo teorico se, chi scrive, l'ha provato prima con se stesso, poi con altri.                                                  Giovani, meno giovani, donne, uomini, colti, incolti, tutti insomma, si sono trovati improvvisamente dinanzi ad una realtà visiva                     e cromatica ora inquietante ora elettrizzante, quasi che all'interno di ciascuno si ravvivasse uno "spazio" inesplorato, si accendesse il contatto con quella parte intima con cui non riusciamo a colloquiare. Pittura con risvolti psicoanalitici quella di Sacchini?                                    Una domanda difficile. E se è difficile la domanda figuratevi la risposta. Di sicuro il "segno". Il mondo di Sacchini è al caleidoscopio.          Il suo reale si sfaccetta, turbina, svaria, non si lascia prendere vivo: ed ecco iridi pericolose che si tingono di arancio, azzurro, trasudando umori solari  ("LE QUATTRO STAGIONI"), o archi futuristi che sovrastano esseri umani, insetti infinitesimali ("INCONTRO...").                           E poi alcune citazioni narrative dei maestri americani del Novecento ("PIOGGIA ACIDA"), un omaggio al Dalì surrealista ("SPIRALE 30"), realtà filamentose al microscopio, meduse e Big Bang ("FLASH"). Un interrogarsi incessante sulle possibilità del vedere...Ingrandimenti                                           cellulari("PENSIERI NOTTURNI") che a volte esplodono in rose futuriste("FUORI TESTA").  

                              Il linguaggio di Sacchini è un linguaggio composito, spesso discontinuo, ma tormentato come un occhio cieco.

FUORI TESTA  1988 Olio e vinavil su tela cm. 40 x 50

 


                                                                                                               


Centrismo antropologico di  Vito Antonio d'Ambrosio 

In evidenza, nei lavori di Maurizio Sacchini, il rapporto con la "storia".

Rapporto che chiarisce istanze artistiche ed estetiche in base al principio di leggittimazione delle fonti culturali.

                                     Con tale penetrazione, il lavoro di rivisitazione si mescola all'abilità compositiva, mentre le qualità formali esplicano    tutta la forza  comunicativa nel proporre contenuti  aderenti ad un vissuto socializzato.

                  A questa funzione esplicativa dell'idioma artistico di M. Sacchini, sottointende la volontà di essere "legibili",  grazie                           alla storicizzazione  del linguaggio usato, grazie, soprattutto, alla salvaguardia di alcuni valori immutabili della pittura: il racconto e il colore.

         Elementi questi che  M. Sacchini sottolinea: il primo, con l'estrema perizia per l'organizzazione ed articolazione dello spazio pittorico,                       il secondo con la capacità espressiva delle bande cromatiche.

                  E' sufficiente riconoscere nel "centro" dello spazio rappresentativo, il motore di tutta l'operazione narrativa per capirne                        ed intenderne la portata.

                  Se si volesse speculare, si potrebbe parlare di un "centrismo antropologico" finalizzato alla costruzione e allo sviluppo delle                  "apparenze senza drammi.

                  Non a caso, la tensione che anima lo spazio non è polarizzata sulla drammaticità, quanto sul senso ludico delle combinazioni                    (uso di materiali diversi) per la creazione di nuove relazioni, gestibili come (nuovi) patrimoni di una storia in continuo movimento.

GEOMETRICO 1986  Olio su tela cm. 120 x 80


 

                                                                                                                              


In un impulso estremo i segreti insondabili del tempo di Alvaro Valentini

        La ricerca pittorica di Maurizio Sacchini, sognata e meditata, rivela l'incanto primigenio del simbolo, filtrato nella luce e nel colore.             In questa dimensione, divisa fra logica e fantasia, l'autore indaga gli effetti di ripetitività e simultaneità degli elementi cinetico-visivi.     L'operazione artistica, mutevole a seconda delle angolazioni prospettiche, rivela l'impronta gestuale e segnica, che riesce a rendere dinamica l'intera superficie in virtù del movimento ritmico continuo o degli input visivi emergenti dalla materia pittorica stessa, come tanti segni in sospensione dei segreti moti dell'animo. Gli effetti plastico-luminosi dei rilievi vengono ad assecondare la propensione dell'autore all'astrazione, a suggestioni di tipo emotivo e psichico. Sacchini fonda la sua arte su una concezione spaziale atemporale, intesa come immensa riserva di energia cosmica. In questo contesto si cala la capacità creativa dell'autore, proteso a ripensare la realtà nell'ottica della rifrazione o del frammento. Come per catturare in un impulso estremo i segreti insondabili del tempo. E i dipinti, specie quelli materici, rivelano come d'incanto una stupefacente sensazione di fondo, mirabilmente accorpata ad un'infinità di piccolissime pietruzze sfaccettate, raccolte e fuse nel bagno amniotico di un cromatismo articolato, che richiama tendenze surreali ed esiti materici dell'informale.                                                                                           Ne fuoriesce un mosaico suggestivo e composito, pulsante di mondi diversi e concatenati, di infiniti nuclei dialettici,                                                                                    depositari di antiche memorie e di esaltanti proiezioni cosmiche.                                                                                              L'impaginazione stessa, segnata da simboli dinamici e figure geometriche, è sottesa a una visione spaziale della realtà,                                                               un connotato pittorico  che travalica l'immanente per farsi voce e scrittura dell'universo.

III  G.M. 1990  Olio, pietruzze, sabbia e vinavil su tela cm. 70 x 100

 


                                                                                                           


UNA RECHERCHE SENZA FINE  Donato Conenna

 Chi abbia modo di visitare il suo atelier non potrà fare a meno di accentrare l' attenzione su questa sorta di  "geografia dell’inquietudine"          che si respira sulle sue tele.  Tanto che, la prima domanda che l' osservatore si pone è quella di sapere se esisterà mai una liaeson,                   un nesso un collegamento tra un periodo e l' atro, un cordo ombelicale di cultura e di concetti che tutto leghi e giustifichi,                                              anche in presenza di nuove    prospettive che Sacchini apre sul fronte della sua coraggiosa incostanza. Credo, molto francamente,                      che Sacchini, pur giovane essendo ed acconcio all' arte, per dirla col Vasari, abbia già dato molto alla vita pittorica.                                                     Sebbene non superi i 40, certo in fatto di pensamenti e d' invenzioni e di ripensamenti, in fatto di linguaggi e di stili,                                                 sembra che di anni ne abbia tre volte tanto. Perché Sacchini viene dal figurativo, ma la sosta nella disciplina che richiede                          severe ortofonie è stata brevissima.                                                                                                                                                                       Sacchini giovane, ma non troppo, si avventura da solo (cioè senza maestri), nei meandri più nascosti dell' informale quello                          strutturale-geometrico che è ancora più ostico nel linguaggio dell' astrazione informe.                                                                                             In pratica, Sacchini si è posto di continuo il problema della creatività e della originalità (incubo non solo notturno di gran parte degli artisti),      a volute riuscendo a dare un contributo notevole per le nuove soluzioni di luce e di prospettivasemmai invocando quelle "linee di fuga"        che non sono consone alla geometria solare, ma che appartengono a quella particolare geometria  "per linee Interne" che abbiamo dentro         e che gli artisti esprimono (quando lo sanno esprimere)  con i colori e I segni più autonomi. Gli sono nate così le periodicazioni che per sintesi possiamo definire "delle astrazioni in luce", dei "filamenti" dell' entropia colorata" e, ancora, delle "spirali armoniche" e, ancora,                                   ma non ultimo periodo ma certo tra i più significativi, quello dei ricorsi materici, dove l' artista impone alla costruzione telare                                   una sorta di "summa" dei contributi di originalità espressi in passato. E come sempre accade, anche nelle migliori abitudini,                            Sacchini si consente di tornare sovente sui luoghi delle prime figurazioni,naturalmente alla sua maniera, facendo, cioè, delle citazioni                                  su se stesso, utilizzando quella simbologia  dell' idea madre (che è alla base di ogni immagine, anche Informale):                                                  così gli nascono sulle tele i "nuovi fiori", conformazioni infiorescenti, piante marine più che terrestri, poste a simbolo,                                       - appunto-di una idea-madre dalla quale dipartono colori intenzioni, segni ed emozioni. All' osservatore non resta che divinare,                                                  che di divinazione si tratta quando il pittore arresterà questo magma creativo che gli scoppia sulle tele,                                         incanalandolo in finalmente  riordinati periodi. Ma credo sarebbe troppo chiedere ad un artista di mettere ordine nella sua entropia                              costruttiva e rinunciare  alla emozione prossima.          


                                                                                      FLASH IV  1990 Olio su tela cm. 70 x 50 





La meraviglia del colore e della luce di Lucio Del Gobbo

 La meraviglia del colore e della luce sembra la condizione prevalente e permanente in cui si trova immersa la ricerca espressiva del giovane Maurizio Sacchini.  Una meraviglia che non esclude l'artista da altri entusiasmi che il reperimento  di una espressività sempre più consona alle proprie sensazioni e pensieri gli procura, ma che certamente appare come elemento caratterizzante della sua produzione.                                              È stato notato, ed è pur vero, che la linea ed il segno, con applicazioni soprattutto nel senso della geometria e della prospettiva,                    aprono le visioni di Sacchini ad una spazialità sorprendente, proiettandole, o meglio, introducendole in dimensioni extratemporali e metafisiche, ma questo stimolo alla liberazione  verso "altri" territori o, se vogliamo ammettere, verso una dimensione di spiritualità, ci sembra soprattutto sorretta nelle opere dall'effetto cromatico e luminescente della materia.                                                                                                                        Del resto, l'infanzia artistica di Sacchini, quella della prima sperimentazione, non a caso si è esercitata sulle potenzialità espressive della materia attraverso linguaggi senza forma e senza impianto disegnativo; proprio per saggiare al limite quel tipo di possibilità, dimostrando implicitamente, con chiarezza, la direzione della sua ricerca.                                                                                                                                            Abbiamo usato l'aggettivo "giovane" per quest'artista alla soglia dei quarant'anni, ed abbiamo insistito a considerare le fasi giovanili della sua storia artistica, perché la seconda condizione caratterizzante del suo lavoro ci sembra consistere  in quella persistenza di una situazione di aperta e libera sperimentazione, di una ricerca cioè che si esercita come  condizione "in progress", non escludendo anzi proponendo una necessità di eclettismo. Ed è questa un presupposto di giovinezza che non tanto si rapporta agli anni, all'età fisica, quanto a uno stato di curiosità e ad un'ansia di scoperta che sono appunto caratteristiche giovanili. Questi presupposti ci sembrano fondamentali per la definizione    di un'esperienza complessa ed ormai sufficientemente lunga che nella sua globalità si è esercitata all'insegna della polivalenza e senza escludere una utilità applicativa nel disegno come nella grafica.                                                                                                                                      L'opera che meglio dimostra le tendenze di ricerca sopra accennate ci sembra essere "SPIRALE 20";  in essa risulta evidenziato l'uso luminescente del colore e, nella contrapposizione tra geometrismo e linearismo lirico, appare emblematizzata quell'ansia di indipendenza                e di sperimentazione a cui si è  fatto cenno.

SPIRALE 20  1988  Olio e vinavil su tela cm. 40 x 50

 




                                                                                                                      


         Giochi della fantasia ed angoscia del vivere quotidiano di Sergio Di Diodoro

Se l'effetto cromatico, trattato con sapiente maestria, appare il primo immediato protagonista nella lettura dell'opera  di Maurizio Sacchini,        è anche vero che esso talora recede, quasi sopraffatto da ricerche spaziali e temporali alle quali l'artista affida il ruolo semantico del messaggio che intende proporre.   E' il caso di "GEOMOVIMETRIAin cui il gioco delle ammalianti colorazioni è superato   proprio in direzione di un concreto aggancio al reale, pur nella trasposizione metafisica di ogni riferimento allo spazio ed al tempo.                                                          Si tratta di un riuscito tentativo di fondere i giochi della fantasia con l'angoscia del vivere quotidiano, fino ad arrivare al superamento                   di ogni ostacolo che possa costringere la mente, o evitarle di fuggire verso dimensioni ultratemporali. La proposta artistica di Sacchini            trova in quest'opera piena espressione proprio in virtù  di tale desueta simbiosi che è più difficile cogliere in altre sue espressioni figurative.       I riferimenti a opere che prevedono l'intervento meccanico dell'uomo sono travolti dal rosso di una massa informe in movimento e                    quasi chiusi, senza via di scampo, dietro le maglie di una rete posta al centro del dipinto.  Ciò avviene perché libera espressione abbia la fantasia, vera protagonista delle opere di Sacchini.   Con questa chiave di lettura bisogna accostarsi alle belle tele del pittore,                           per cogliere poi, sotto l'evidente fastosità  delle splendide cromie, significati diversi e accezioni assai più profonde.


          GEOMOVIMETRIA  e Profondità di un pensiero...1988  Olio su tela cm. 70 x 80 


  


                                                                                     
      




                                                                                                     Spazialità che suscita meraviglia di Noemi Gambini 

 Maurizio Sacchini, artista teso ad una continua ricerca in cui luce  e colore si fondono in un meraviglioso abbraccio di forme. La protagonista delle sue grafiche è la linea curva che quasi sempre assume la forza di una Spirale, quasi ad indicare un movimento perpetuo, direbbero alcuni, o a rappresentare l'età contemporanea, direbbero altri, dominata dai media elettronici   che trasmettono attraverso sinusoidi. Sacchini possiede un concetto di spazialità che suscita meraviglia, dato che riesce a proiettare le proprie figure in una prospettiva quasi metafisica, dove esse assumono il magico valore dei simboli.      Si tratta appunto di triangoli, cerchi e sinusoidi, che s'intrecciano rincorrendosi in un moto che tende all'infinito. Nelle sue opere la protagonista è la linea che testimonia una forte aderenza alla contemporaneità. A volte mediata dalla dimensione metafisica, che permea invisibilmente tutte le sue opere.

...Sacchini possiede un concetto di spazialità che suscita meraviglia in chi lo guarda, poiché i veri protagonisti delle sue grafiche, così come delle sue tele, sono i triangoli, i cerchi e le sinusoidi che s’intrecciano rincorrendosi  in un moto che tende all’infinito e che dona forte respiro alle composizioni.

...Sacchini è sempre teso verso una continua ricerca di forme e colori che lo portano a varie sperimentazioni da cui nascono poi delle vere e proprie sinfonie di luci e forme. Nelle opere di Sacchini la luce e il colore sono racchiusi in uno spazio delimitato da forme geometriche di memoria quasi kandinskiana realizzate con dei materiali poveri, quali la juta e le pietruzze, che magicamente reinterpretate, danno vita ad una sorta di variopinti collages dalle tonalità forti ed elettriche.

...E’ importante notare come sia sempre presente, nelle sue tele e nelle sue grafiche, il triangolo, simbolo della perfezione e dell’intelligenza, che in quest’opera sembra liberarsi nel vuoto in un ipotetico palloncino.



 


                                                                                                         


Forme scaturite dal mondo dell'energia di Maria Mancini

Numerose sono le componenti che animano l'opera di questo artista, Maurizio Sacchini, già dedito alla pittura da vari anni. Da alcuni lavori in cui sembrano essere messe in scena visualizzazione di forme scaturite dal mondo dell'energia ("FLASH" - "LE QUATTRO STAGIONI" - "PENSIERI NOTTURNI"), piccoli teatri in cui elettromorfe irradiazioni animano la composizione,  si passa ad altri lavori in cui forme astratte, spesso improntate ad un vago onirismo, rivelano un profondo interesse del pittore verso problemi compositivi ("METAMORFOSI" - "SPIRALE 20"). Sacchini sceglie di rimanere nelle due dimensioni del dipinto anche se dimostra di non essere  insensibile al fascino della materia e all'invasione dello spazio reale. In alcune occasioni utilizza, in integrazione a i suoi ricercati accordi cromatici, un materiale quotidiano e artificiale, quale il vinavil. In altri dipinti, come in "III G.M.", è un altro elemento quotidiano, questa volta appartenente al regno della natura, a fare la sua comparsa: il sassolino. Distribuiti con apparente casualità nella composizione, i sassolini animano la superficie della tela contrapponendosi al forte senso dello spazio datoci dall'illusione delle forme e dei colori. Lo sfondo dipinto infatti, nonostante l'evidente lontananza da una eventuale realtà fenomenica, viene animato da zone di luce/colore, inscindibile nel loro legame, che provocano effetti di profondità spaziale. Profondità suggerita anche dalle stesse figure astratte poste appunto come in fuga prospettica nella forte spazialità e dichiarata ambiguità dello sfondo.

LE QUATTRO STAGIONI  1982  Olio su tela cm. 70 x 100


 


                                                                                                                


I confini obbligati della tela non esistono di B. G. Minerbi

Sacchini è un artista originale che cura molto i dettagli, sempre attento ad ogni stimolo esterno proveniente      sia dal mondo artistico che da quello  quotidiano  come un filosofo è in continua ricerca, scruta nel passato, ricollegandosi al presente e proiettandosi verso il futuro.

Anche se si riallaccia a motivi su cui ha già lavorato, non è mai ripetitivo poiché ogni volta rinnova i suoi segni     e le sue idee.

Di carattere introspettivo raffigura gli stati d'animo ed è capace di una continua ricerca di tipo mentale che concretizza poi con il segno, alterna lavori pittorici che possono spaziare da composizioni astratte costituite da elementi geometrici che creano con i loro tratti nitidi e ben definiti un completo controllo materico che è posto a metà tra la libertà creativa e la sua istintività naturale.

I suoi quadri hanno un rigore logico esternato con un linguaggio fondato sulla ripetizione di segni ed elementi geometrici.

Riesce a creare delle opere di una altissima godibilità fondendo elementi dissonanti come spirali, ritmi dinamici e sinuosi, con figure geometriche ben delineate.

Nelle sue creazioni fantasiose i confini obbligati della tela non esistono, le sue forme coinvolgono in una tale maniera da riuscire a sbalzare l'osservatore in uno spazio dimensionale irreale basato sul rapporto, che nelle creazioni di Sacchini è inscindibile, tra sonorità musicali e linguaggio pittorico.


                                                                                                     L' Isola non Trovata




                


     Il quadro: contenitore di forze in continua tensione di Isabella Monti

 Nella astrazione e nella materialità dell'opera "IV G.M." individuo le cifre del lavoro di Maurizio Sacchini  Un binomio intrigante, che reclama attenzione con tutta la forza che c'è nella distanza tra i due termini. Da un lato il rapporto razionale con il segno e con il colore. Un segno "grasso" che scontorna e delimita con esattezza la superficie ed un colore che sta al gioco del segno, lo asseconda, ne rispetta lo spazio creato. La forma figurativa si scompone in forme geometriche che si separano, si mescolano, l'una entra dentro l'altra e, nel passaggio, una nuova ne è creata. Sembrerebbe una immagine "fredda": distaccata e vaga nostalgia di futurismi trascorsi.  Non è così; la materialità del fondo pastoso non gioca allo stesso modo:risponde alla ragione formale con la discontinuità di  una superficie sofferta (un velo di piccoli sassolini mischiati al colore). Il valore pittorico del fondo non sta nel colore puro, quanto invece nella suggestione corporea della materia, non arginata    da schemi o da diaframmi. Uno sfondo puramente informale, quindi, sul quale prende letteralmente vita una impalcatura compositiva che si "ammorbidisce" e si "riscalda". Da questa ambiguità traspare un interrogativo, la sensazione di una stato "in fieri". Dal magma terroso e greve   si eleva un'immagine la cui dinamicità virtuale è frenata, irretita. Il quadro è contenitore di forze in continua tensione; l'occhio non riposa, deve essere pronto ad accettare questa impermanenza, dove privilegiare il percorso più che il traguardo, il "farsi" dell'immagine più che il suo definirsi.

G.M. I  1988 Olio, pietruzze su tela cm. 30 x 40 

 

 Il mondo al caleidoscopio di  Anna Fusaro  


 Il mondo di Sacchini è al caleidoscopio.
 Il suo reale si sfaccetta, turbina, svaria, non si lascia prendere vivo:
 ed ecco iridi pericolose che si tingono di arancio, azzurro, trasudando umori solari
 ("LE QUATTRO STAGIONI"), o archi futuristi che sovrastano  esseri umani, insetti infinitesimali ("INCONTRO...").
 E poi alcune citazioni narrative dei maestri americani del Novecento ("PIOGGIA ACIDA"),
 un omaggio al Dalì surrealista ("SPIRALE 30"), realtà filamentose  al microscopio, meduse e Big Bang ("FLASH").
 Un interrogarsi incessante sulle possibilità del vedere...
 Ingrandimenti cellulari ("PENSIERI NOTTURNI") che a volte esplodono in rose futuriste ("FUORI TESTA").
 Il linguaggio di Sacchini è un linguaggio composito, spesso discontinuo, ma tormentato come un occhio cieco.


                                                                                                           


 La pupilla è il nero assoluto di Giovanni Prosperi 

      

                                                                          Maurizio Sacchini sa che la pupilla è il  nero assoluto.                                                                                                                                       A volte per non soffrire la trasforma in forme che non le fanno vedere niente.                                                                                                  Sacchini ha un sanissimo dubbio sulla materia dell'iride: con quale colore posso vedere la luce?                                                         La risposta impazzisce. I suoi acquerelli sono il suo occhio sinistro nel battere della palpebra dopo che il sole                                                                                               l'ha  accecato per un attimo:Polaroid naturali in completa assenza della natura.                                                                            L'occhio destro è sempre aperto, controlla la discesa per deviazione epicurea dell'atomo, a volte uno, a volte tre,                                         come se non bastasse tutto ruota attorno ad un triangolo dal vertice in basso la caverna metafisica sorretta  dalla caverna fisica                                   che deve il suo sostenimento alla curva base che chiudendosi nel cerchio ruota nell'immobilità perfetta dell'immagine                                                                                    fino a far uscire dagli occhi altre forme per un logico  tributo all'iride.                                                                                                   Di contro la pupilla di Sacchini  acceca l'iride nel suo autoritratto (SOLITUDINE ALLO SPECCHIO).                                        Sacchini attende, guarda verso  l'alto e non è timidezza ma attenzione: chi ti guarda conta poco, conta chi si aspetta di guardare.           


SOLITUDINE ALLO SPECCHIO (Part.)  1988 






nato ad Ancarano (TE), ha frequentato l'Istituto Statale d'Arte  di Ascoli Piceno, partecipa a collettive  ad 
Ascoli Piceno, San Benedetto del Tronto (AP) Teramo, fino ad arrivare alla prima personale: -365 Giorni- nel 1988.
 

1988

Teramo

Partecipazione alla “Mostra di Artigianato “Abruzzese“ presso il Centro Congressi.

1989

Pagliare del Tronto (AP)

Personale Scuola Elementare.

Tortoreto Lido (TE)

Personale Azienda di Soggiorno.

Giulianova Lido (TE)

Personale Ass. Naz. Marinai d’Italia.

1990


Ancarano (TE)


Personale studio: “ 70-80 Art & Design Gallery. 
Partecipazione “ Premio Arte” rivista Arte Mondatori.

1991

Pagliare del Tronto (AP

Personale Circolo degli Anziani.

S. Omero (TE)

Personale “1^ edizione Mostra mercato dell’Artigianato”.

1992

Bologna

Personale Galleria “Vicolo Quartirolo” Arte Spazio Dieci.

S. Paolo di Jesi (AN)

Partecipazione “Premio Italia” Budapest, Stoccolma, New York – Rivista “Art Leader”.
1^ “Biennale d’Arte Contemporanea Giallo Oltremare”.

Carpi (MO)

Personale Art Box – 5^ Mostra Mercato d’Arte Moderna.

New York (U.S.A)

Vincitore del Premio Italia 1992.

Firenze

 E.I.A.C. Esposizione Internazionale Artisti Contemporanei.

Osimo (AN)

Collabora alla redazione della rivista di arte, architettura, informazione, design e cultura: ART LEADER Ed. Massacesi.

1993

San Giovanni in Fiore (CS)

Collettiva Galleria De Lucarte.

Ancarano (TE)

Personale " Tempere-Pastelli-Veline " Art & Design Gallery.

Carpi (MO)

Personale Art Box – 6^ Mostra Mercato d’Arte Moderna.

L’Aquila

Collettiva “First and Word” – Forte Spagnolo Sopraintendenza per i Beni Ambientali, Architettonici e Storici per l’Abruzzo

Milano

Collettiva “ Arte a Parte”.

1994

Milano

MIART Parco Esposizioni di Novereto (MI)

Bari

Expo Arte Fiera Internazionale d’Arte Fiera Internazionale di Arte Contemporanea – Fiera del Levante di Bari

Torino

ARTISSIMA Fiera d’Arte moderna e contemporanea – Lingotto fiera Torino.

Padova

Arte Fiera di Padova Mostra Mercato d’Arte Contemporanea

1995/97

Ancona

Collabora alla redazione della rivista di arte, cultura e finanza “ART and WORDS” Ed. Bingi.

1998

Ancarano (TE)

Personale “1988-98 Ten years after” Art & Design Gallery.

1999

Venturina (LI)

ETRURIA ARTE 10^ Mostra mercato d’arte contemporanea

2000

 

 Ancarano (TE)


Personale " Anni '90 " Art & Design Gallery.




 

                

 

 Copyright © 2016. Arte & Design Tutti i diritti riservati

  Site Map